NEWSLETTER DAL 18 AL 23 NOVEMBRE (domenica dalle 10 alle 15)

Ecco gli incontri della settimana. 
In occasione di BilBolBul Festival internazionale di fumetto (VIII edizione), la nostra libreria sarà aperta anche domenica 23 dalle 10 alle 15.
 
Si passa dalle mappe alle torte, passando dai fumetti, per grandi e piccini.
 
Come sempre prima il sunto poi i vari appuntamenti nel dettaglio.
 
Vi aspettiamo.
 
Quelle di Trame.
 
 
 
Martedì 18 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del progetto “Mappe per signora”, lettura teatrale su viaggi veri o immaginati, di Marinella Manicardi e Federica Iacobelli, con mappe di Chiara Carrer.

Sabato 22 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del libro di Cristina Zagaria “Sugar Queen” (Sperling & Kupfer 2014).
L’autrice ne parlerà con Maria Cristina Sarò. Interventi di Roberta Garbin.

In occasione di BilBolBul Festival internazionale di fumetto (VIII edizione), la nostra libreria collabora proponendo tre momenti di incontro.
Domenica 23 novembre Trame sarà aperta al pubblico dalle 10 alle 15.

Venerdì 21 novembre alle 18
INCONTRO PUNTO DI FUGA CON LUCIA BIAGI. 
INTERVIENE STEFANIA PRESTOPINO

Domenica 23 novembre dalle 10,30 alle 12,00 circa
LABORATORIO (dagli 8 ai 12 anni)
È SUCCESSO CHE… La mia vita a fumetti con Zosia Dzierzawska, in collaborazione con Topipittori partendo dal volume “A testa in giù”.

Sempre domenica 23 novembre alle 13
INCONTRO COCKTAILS PRE DINNER
CON GIACOMO BAGNARA, ANNA DEFLORIAN E DR. PIRA. 
INTERVIENE ALESSIO TRABACCHINI


 
Martedì 18 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del progetto “Mappe per signora”, lettura teatrale su viaggi veri o immaginati, di Marinella Manicardi e Federica Iacobelli, con mappe di Chiara Carrer.

Viaggi veri e Prìncipi immaginari, dalle processioni in Sicilia agli harem in Turchia, dalla Svizzera color rosa alla Cina delle fabbriche, fino ai Beach boys suggeriti da internet.

“Le vere signore non viaggiano sole”. Questo si diceva nei salotti della seconda metà dell’800 e nei manuali di bon ton.
“Questa è comica: le donne devono viaggiare dunque come bauli?” ribatteva Annie Vivanti gran viaggiatrice in paesi più inventati che reali.
Ancora oggi, per qualcuno, una donna che viaggia sola è percepita come scostumata, sconsiderata, o perlomeno stramba, o non collocabile in uno schema, in una mappa, appunto.
Le prime viaggiatrici per turismo o per studio furono le inglesi e le francesi che dal ‘700, spesso al seguito di mariti nobili o diplomatici, raggiungevano lontane colonie riportandone diari di viaggio, disegni di paesaggio, sete e gioielli d’oro o lapislazzuli.
E le italiane? Per loro, in mancanza di colonie o di ambasciate da raggiungere, ci sono mariti da accompagnare in viaggi più commerciali che imperiali. Qualcuna si avventura anche sola: è un’operaia di Milano che raggiunge la Cina dove insegnerà l’uso del telaio meccanico alle cinesi. Ma si trovano anche signore colte e curiose che si avventurano in Oriente e nel Caucaso cavalcando per giorni, accompagnate solo da guide locali, o in viaggio nel sud Italia, così diverso dal Nord già industrializzato. Straniere o italiane, ovunque queste viaggiatrici appassionate osservano cerimonie, comportamenti pubblici e privati, annotano superstizioni, canzoni, abiti e ricette. Tutti materiali ritenuti di scarsa importanza, minori, da donne appunto, prima che etnologia e antropologia li classificassero come scienza.
Il diario personale, così caro alle signorine e signore della buona società, come si diceva, diventa memoria da trasmettere alle figlie, racconto di viaggio inviato a amici che poi magari lo pubblicano, quando non baule per la raccolta di semi o strumenti di lavoro. E foto: il diario odeporico insomma cambia di genere letterario e si fa giornalismo, o resoconto scientifico e persino romanzo.
E oggi? Serve ancora a una donna viaggiare sola per dimostrare, che cosa? E serve ancora viaggiare?
Che cosa c’è ancora da scoprire, oggi che ci muoviamo in una continua google-map con foto, street view, freccette che indicano alberghi e ristoranti e “luoghi tipici”; oggi che ogni luogo ci è familiare prima ancora di partire. Potremmo forse evitare la fatica del viaggio, starcene a casa, tanto ci arriveranno i souvenir degli amici, i selfie davanti a monumenti e tramonti, gli skype in diretta dall’ipad sempre connesso.
 
Allora forse è sull’idea di mappa che possiamo lavorare: la disposizione a tavola degli invitati a un matrimonio, ad esempio, è una mappa se non geografica sicuramente affettiva. La mappa del DNA ha forse cancellato per sempre la possibilità di segreti inconfessabili su figli e amanti e la progettazione delle nuove smart city sta già tenendo conto della differenza di genere nel disegnare le mappe delle città.
Intanto le signore che viaggiano hanno determinato anche nuove geografie della sessualità: i viaggi di piacere, diciamo così, offrono mappe precise, prezzi e prestazioni, consigli per gli acquisti. Primo fra tutti: non scambiare un’avventura da viaggio per un viaggio di nozze.
 
Suggerimenti per una bibliografia
AA.VV.  “Le vere signore non viaggiano sole” (Archinto)
Maria Carla Martino, “Viaggiatrici” (XL edizioni)
“Segni, spazi, parole” a cura di Federica Fradiani, Riccarda Ricorda, Luisa Rossi (Franco Angeli 2012)
Franco Farinelli, “L’invenzione della terra” (Sellerio)
Virginia Woolf, “Orlando” (Garzanti)
Luisa Rossi, “L’altra mappa” (Diabasis)
AA.VV., “Il viaggio mito e scienza” (Bononia University press)
Giuseppina Croci, ” Sul bastimento per Shangai” (Forumeditrice)
John Berger, Nella Blieski, “Isabelle. una storia per quadri” (Epoché 2006)
Angela Nanetti, “Cristina di Belgioso una principessa italiana” (Edizioni EL 2002)
Matilde Serao, “Il paese di cuccagna”, Garzanti 1981
 
 
Sabato 22 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del libro di Cristina Zagaria “Sugar Queen” (Sperling & Kupfer 2014).
L’autrice ne parlerà con Maria Cristina Sarò. Interventi di Roberta Garbin.

Quella di Giada Baldari è una storia che inizia come tante altre: vive a Napoli, ha un marito, una figlia, un lavoro precario e mal pagato, e sogna di diventare magistrato. Ma quando scopre di aspettare un altro bambino capisce che non può andare avanti così: qualcosa deve cambiare. È pronta a lasciare il suo posto di praticante in uno studio di avvocati, la sua laurea in legge e i suoi sogni per cercare un impiego stabile. Perché essere mamma non vuol dire dover rinunciare alla propria indipendenza economica. Ma i tentacoli della crisi stanno stritolando la città partenopea e nessuno assume, soprattutto una donna incinta. Giada decide allora di dedicarsi interamente al desiderio della sua primogenita: una torta di compleanno. Il cake design non è ancora un fenomeno conosciuto, ma Giada non si dà per vinta: grazie a una buona dose di tenacia e a un talento nascosto, inizia a impastare, modellare, decorare. E il risultato è sorprendente. Tanto che, dopo aver visto la torta, le mamme delle amiche della figlia danno il via a un portentoso passaparola. Giada riceve così ordini per nuovi dolci, e la sempre più numerosa clientela le dà il coraggio di aprire una pasticceria, Sugar Queen: una sfida contro la crisi, che Giada ha vinto grazie ai suoi bellissimi (e buonissimi) sogni di zucchero. Una storia dolcissima raccontata da Cristina Zagaria, arricchita dalle ricette di Giada Baldari.
 
Cristina Zagaria, 39 anni, è originaria di Taranto. Giornalista de la Repubblica, dal 2007 vive e lavora a Napoli. Tra i suoi libri, “Miserere: vita e morte di Armida Miserere”, “L’osso di Dio”; per Sperling & Kupfer ha scritto “Malanova”, tradotto in Germania, Francia, Olanda, Russia e Grecia, e “Veleno”, romanzo civile sul caso Ilva di Taranto.
Il suo sito Internet è: www.cristinazagaria.it
 
Maria Cristina Sarò è scrittrice, regista e autrice del libro “Maria Paiato, un teatro del personaggio” (Titivillus edizioni, 2011).
Si occupa di laboratori di teatro sulle legalità nelle scuole dell’Emilia Romagna ed è socia della casa editrice Caracò editore.
 
Roberta Garbin, friulana di nascita ma bolognese di adozione, è la giovane proprietaria di Pazzesque, una bottega specializzata in parrucche, make up, ed effetti speciali nel cuore della città. Da sempre appassionata di arte, letteratura, fotografia e moda, trascorre le sue giornate dividendosi tra il ruolo dell’imprenditrice e quello più estroso di artigiana, in quanto creatrice di accessori, copricapi, e tutto quello che la sua fantasia le suggerisce quando, a capo chino, si destreggia nel suo piccolo laboratorio.
 
 
In occasione di BilBolBul la nostra libreria collabora con tre momenti di incontro.
Domenica 23 novembre la libreria sarà aperta al pubblico dalle 10 alle 15.

Venerdì 21 novembre alle 18
INCONTRO PUNTO DI FUGA CON LUCIA BIAGI. 
INTERVIENE STEFANIA PRESTOPINO

Domenica 23 novembre dalle 10,30 alle 12,00 circa
LABORATORIO (dagli 8 ai 12 anni)
È SUCCESSO CHE… La mia vita a fumetti con Zosia Dzierzawska, in collaborazione con Topipittori partendo dal volume “A testa in giù”.

Sempre domenica 23 novembre alle 13
INCONTRO COCKTAILS PRE DINNER
CON GIACOMO BAGNARA, ANNA DEFLORIAN E DR. PIRA. 
INTERVIENE ALESSIO TRABACCHINI

Venerdì 21 novembre alle 18
INCONTRO PUNTO DI FUGA CON LUCIA BIAGI. 
INTERVIENE STEFANIA PRESTOPINO
Lucia Biagi presenta il suo nuovo libro “Punto di fuga” (Diàbolo Edizioni) e racconta la storia di Sabrina, una ragazza ventenne alle prese con mille difficoltà nelle relazioni e con una maternità che non riesce ad accettare.
 
Sabrina ha 26 anni, abita in una città di provincia che le sta stretta e ha un carattere forte, che a tratti si fa violento nel gridare agli altri il suo malessere, la sua sofferenza. La sua è la condizione di chi non ha più vent’anni, ma non si sente ancora un adulto in grado di assumersi le responsabilità che la vita impone. La condizione di molti giovani negli anni della crisi economica che si fa crisi esistenziale: alle soglie dell’età adulta non ci si sente capaci di affrontare la vita. E si sbanda, tra colpi di testa, ingenui tentativi di evasione, autocommiserazione, rabbia. Una gravidanza non prevista si pone come un’esperienza emblematica. La vita che spinge forte suscitando dubbi e ansie, sul proprio essere donna, sulla maternità come spartiacque. E intorno sollecitazioni contraddittorie.
Lucia Biagi affronta un tema “scomodo” come l’aborto restituendolo all’unica sfera legittima, quella della narrazione personale, fuori dai tabù e dalle contrapposizioni ideologiche, nel rispetto delle scelte della donna, della libertà di decidere del proprio corpo e della propria vita. Una giovane autrice ci regala una storia emozionante, raccontata con uno stile grafico fresco e attuale, che si nutre del fumetto indipendente europeo, dell’underground comic americano e dello josei manga giapponese, in una miscela potente ricca di soluzioni visive e narrative estremamente originali.
 
Lucia Biagi (Pisa, 1980), in arte Whena, è fumettista, illustratrice e sarta di piccole creazioni all’uncinetto e ricamate, oltre ad essere laureata in ingegneria. Ideatrice e instancabile animatrice della fanzine autoprodotta Amenità, gestisce insieme al suo compagno la fumetteria Belleville Comics a Torino. Come autrice è stata selezionata fra i talenti emergenti del fumetto italiano per la mostra Futuro Anteriore, curata dal Centro Fumetto Andrea Pazienza al Napoli Comicon 2012. Punto di fuga è la sua seconda graphic novel dopo Pets (Kappa Edizioni, 2009); inoltre ha da poco pubblicato Japanize me, una guida a fumetti del Giappone in formato ebook (Zandegù, 2014).
 
Domenica 23 novembre dalle 10,30 alle 12,00 circa
LABORATORIO (dagli 8 ai 12 anni)
È SUCCESSO CHE… La mia vita a fumetti con Zosia Dzierzawska, in collaborazione con Topipittori partendo dal volume “A testa in giù”.
L’obiettivo del laboratorio è quello di sviluppare le capacità di narrazione dei bambini attraverso la forma del fumetto. Traendo ispirazione dalla vita quotidiana, i bambini impareranno come progettare e disegnare un racconto autobiografico in modo divertente. Durante il laboratorio esploreremo anche il concetto di tempo (passato / presente, ieri / un anno fa / 100 anni fa) ed i diversi modi in cui può essere espresso nei fumetti.
 
Il laboratorio prevede un tetto massimo di 15 iscritti, è necessario quindi prenotare al numero 349 3714417
 
Sempre domenica 23 novembre alle 13
INCONTRO COCKTAILS PRE DINNER
CON GIACOMO BAGNARA, ANNA DEFLORIAN E DR. PIRA. 
INTERVIENE ALESSIO TRABACCHINI
Aperitivo di presentazione del primo volume del progetto cocktails di studio pilar: una collana a fumetti composta da quattro volumi, ispirati alla classificazione dei cocktails (pre dinner, after dinner, long drink, any time).
Ogni volume sarà composto da sei storie di sei autori internazionali.

 

NEWSLETTER FRIZZANTE DALL’11 AL 15 NOVEMBRE

Non sappiamo come andrà metereologicamente l’estate di San Martino.
Di certo abbiamo voglia di tuffarci in una settimana di incontri per ogni gusto, dal noir ironico con il commissario Lolita ai violini di Otello Bignami, dalle degustazioni di Libreschi, al sound di Jimi Hendrix che invade la provincia romagnola, dalla Chimera di Vassalli, al Cioccoshow, per finire con il dj set di Don Pasta in Bolognina.

Come al solito qui o altrove, leggete il sunto poi scegliete!

Vi aspettiamo

Quelle di Trame.

PS
lunedì 10 novembre la libreria chiude alle 16, giovedì 13 come al solito alle 16,30…

Martedì 11 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del libro di Gabriella Genisi “Gioco pericoloso” (Sonzogno).
L’autrice ne parlerà con Paola Jacobbi.

Mercoledì 12 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo in occasione dell’uscita del DVD “La Favola di Otello Bignami”.
Ezia Di Labio leggerà, Salvatore Donzella l’accompagnerà con il violino, e saranno portati alcuni disegni.

Mercoledì 12 novembre alle 19,30
all’enoteca DIVINIS in via Battibecco 4/c a Bologna
incontro con Libreschi.

Venerdì 14 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del libro di Mauro Baldrati “Il mio nome è Jimi Hendrix” (Arianna Edizioni, prefazione di Red Ronnie).
L’autore ne parlerà con il giornalista musicale Pierfrancesco Pacoda

Sabato 15 novembre alle 14,30 in libreria
il gruppo “Letture sul sofà” si troverà per discutere sul romanzo di Sebastiano Vassalli “La chimera” recentemente riedito da Rizzoli.
Il gruppo è aperto e ogni intervento è il benvenuto.

Ancora sabato alle 18 in libreria
in occasione del Cioccoshow 2014 e in collaborazione con CNA
presentazione aperitivo del libro dell’Associazione Pasticceri di Bologna “Ciocolatemi! Coccole al cioccolato” (Collana I Quaderni del Loggione – Damster Edizioni)
Coordina l’incontro Katia Brentani.

Per finire sempre sabato 15 novembre alle 19
a Corte Tre, in via Franco Bolognese 22/3 A a Bologna
Bolognina Basement presenta Artusi Remix: viaggio nella cucina popolare italiana con Don Pasta.

Martedì 11 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del libro di Gabriella Genisi “Gioco pericoloso” (Sonzogno).
L’autrice ne parlerà con Paola Jacobbi.

Un giallo tutto italiano per Lolita Lobosco, la donna commissario barese che indaga con sensualità e ironia su fatti di stringente attualità
Durante la partita decisiva per la qualificazione in serie A del Bari, al San Nicola muore un giocatore. Una morte naturale, si direbbe, però con qualche mistero di troppo. Pochi mesi dopo, infatti, il commissario Lolita, indagando su quello che a tutti è sembrato un incidente, si imbatte in un intrigo internazionale destinato a colpire le fondamenta del calcio italiano. Un losco mix di sport e malavita che rischia di sconvolgere anche la vita di Lolì.

Gabriella Genisi è nata nel 1965, abita vicino al mare, a pochi chilometri da Bari, ed è appassionata di arte, cucina e letteratura.
Ha inventato il personaggio del Commissario Lolita Lobosco, definita dalla critica la Montalbano al femminile e protagonista di quattro romanzi pubblicati da Sonzogno/Marsilio: “La circonferenza delle arance” (2010), “Giallo ciliegia” (2011), “Uva noir” (2012), e “Gioco pericoloso” (2014). Ha vinto numerosi premi letterari e alcuni suoi racconti sono presenti in antologie.
I suoi libri sono tradotti all’estero, nel 2015 debutteranno sul mercato americano e ne verrà tratto uno sceneggiato televisivo.
Dicono di lei: “Leggetela, potrebbe diventare la Camilleri pugliese” (Vanity Fair)
“Una delle scritture più interessanti del nostro Paese” (Massimo Carlotto)

Paola Jacobbi, giornalista da quando Wikipedia era fantascienza, inviato speciale di Vanity Fair dalla fondazione, scrive di spettacoli e costume.
Ha anche scritto un romanzo, “Tu sai chi sono io” (Bompiani) e tre saggi sulle follie femminili: “Voglio quelle scarpe”, “Pazze per le borse” e “Sotto i tre carati non è vero amore”. E’ cintura nera di red carpet.

Mercoledì 12 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo in occasione dell’uscita del DVD “La Favola di Otello Bignami”.
Ezia Di Labio leggerà, Salvatore Donzella l’accompagnerà con il violino, e saranno portati alcuni disegni.

“Il mio maestro si chiamava Otello Bignami ed è stato uno tra i più importanti liutai della scuola di liuteria bolognese del 900. Quest’anno ricorre il centenario dalla nascita. Di lui era necessario raccontare tutto: liutaio, musicista, pittore, uomo dalle grandi qualità umane, di aperte vedute, dotato di intuito e sensibilità, (autodidatta in tutto quel che ha fatto), è conosciuto e apprezzato in Italia e nel mondo, quale rappresentante di spicco della “liuteria bolognese”; questa nostra importante tradizione che ha fatto e fa la storia della nostra città, ma, di cui la maggior parte dei bolognesi non ne sa niente.
Scrivere la sua storia, è stata per me una necessità, a me piace raccontare favole, perché le favole piacciono ai bambini, ma sono necessarie anche per gli adulti e, la vita del mio maestro è una favola, una favola che è vera.
Mi piaceva che questa storia potessero saperla tutti, così: la mia scrittura, la voce di Ivano Marescotti, il violino di Salvatore Donzella, i disegni di Lucia Ciampoli e Margherita Baglioni e le foto e i ricordi della famiglia Bignami permetteranno a tutti di conoscere, apprezzare e ricordare la figura del Maestro liutaio Otello Bignami.
…Ho cercato un luogo che potesse rendergli omaggio e ricordarlo per sempre.
Il piccolo spazio verde situato in via San Rocco (con accesso anche da via Pietralata), era un po’ come lui, non così evidente, ma fondamentale, per il quartiere e per la città. Quel luogo verde e protetto è ora stato intitolato a lui.”

Ezia Di Labio è nata a Pescara nel 60, dopo la maturità artistica si è trasferita a Bologna e dal 1979 al 1983 ha seguito i corsi della scuola di Liuteria Artistica Bolognese voluta e diretta da Otello Bignami.
Nel 2004 dà vita al progetto “Violino d’Autore” il cui intento è ribadire il valore della tradizione liutaria di appartenenza, senza modificarne in nessun modo la forma e l’acustica, con il desiderio e la necessità di contaminare l’antica immutata ed immutabile arte della liuteria con le mutevoli e molteplici espressioni dell’Arte, per proiettarsi alla ricerca di soluzioni puramente estetiche.
Nel 2007 la prima mostra personale a Bologna, a cui ne sono seguite tante altre.

Mercoledì 12 novembre alle 19,30
all’enoteca DIVINIS in via Battibecco 4/c a Bologna
incontro con Libreschi.

LIBRESCHI è un esperimento che unisce il gusto del buon vino al piacere della narrativa.
Attraverso un percorso di accostamenti eno-letterari, i nostri ospiti scopriranno come vini e romanzi si esaltino a vicenda, fondendosi in un’esperienza sensoriale unica.
Presso l’enoteca Divinis, Canto 31 presenta, per il 2° anno, un ciclo di serate dove potrete divertirvi a degustare quattro diversi abbinamenti, tra gli splendidi vini di Maurizio e le incursioni letterarie di vari autori contemporanei italiani, ascoltando brevi letture dai libri proposti.
Per questo LIBRESCHI “Esistenze” abbiamo abbinato ai quattro vini proposti da Maurizio i romanzi di Alessandro Berselli, Lorenza Ghinelli, Marilù Oliva e Alen Grana.

ELEGANTE E FASCINOSA SEDUZIONE
Alto Adige Chardonnay “Kreuth” di Terlaner & “Anche le scimmie cadono dagli alberi” di Alessandro Berselli (Piemme)
IL BIANCO FUOCO DI CARLA
Catarratto “Antisa” di Conti Tasca d’Almerita & “Con i tuoi occhi” di Lorenza Ghinelli (Newton Compton editori)
NONNINE ROSSO SANGUE
Sangiovese di Romagna “Fermavento” di Giovanna Madonia & “Le sultane” di Marilù Oliva (Elliot)
PROFUMO DI LIBERTA’
Porto “Select” di Taylor & “I signori delle balene” di Alen Grana (La Piccola Volante)

Incursioni enologiche a cura di Maurizio Landi, e letture a cura di Alessandro Berselli, Lorenza Ghinelli, Virginia Buldini e Mara Munerati.
Al termine dell’evento sarà possibile acquistare i romanzi autografati dagli autori presenti e i vini degustati.
Bookcorner in collaborazione con la nostra libreria.
INGRESSO 15 € – PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA – 051/2961502 – 338/1431367 – 339/3170728 – info@canto31.it

Venerdì 14 novembre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del libro di Mauro Baldrati “Il mio nome è Jimi Hendrix” (Arianna Edizioni, prefazione di Red Ronnie).
L’autore ne parlerà con il giornalista musicale Pierfrancesco Pacoda

Dicembre 1969, nella dura provincia romagnola è ancora l’era dei capelloni, dei pregiudizi, del grigiore. Ma non per gli eroi di questo romanzo, un drappello di adolescenti che seguono le mode hip, la musica rock-blues, la poesia e l’epica della libertà. Il loro narratore è Toni, detto Jimi Hendrix, perché si identifica col grande chitarrista americano, che imita anche nell’aspetto fisico. Jimi vive la frattura tra le sue idee, le sue speranze, il suo coraggio, e la grettezza dell’ambiente in cui vive. E proprio come Jimi Hendrix, che lottò duramente per riuscire a diffondere la sua musica, cerca un’affermazione, un riconoscimento, uno spazio nel mondo.
Nella prima parte lo seguiamo durante un fine settimana come tanti nel “paese più infelice del mondo”, tra personaggi paradossali, slanci e delusioni amorose, dialoghi in uno straordinario “argot” ottenuto da un mix tra il dialetto romagnolo e la lingua italiana. Nella seconda parte il nostro gruppo di ragazzi “gipsy” va in montagna, in Val Gardena, per una grande festa di fine anno con un gruppone di marxisti-leninisti di orientamento maoista. Dall’incontro scoppiettante tra le due sottoculture, movimentato anche dall’incursione di un gruppo di femministe di “una bellezza quasi insostenibile”, se ne vedono di tutti i colori.

Mauro Baldrati è nato a Lugo (RA) e vive a Bologna. Ha lavorato a Milano come fotografo professionista e a Roma come redattore della rivista Frigidaire. Ha pubblicato i romanzi ‘Vita complicata di Jimi’, ‘La città nera’, ‘Professional Killer’, il saggio con altri autori ‘La rivolta dello stile’, ha curato l’antologia di autori vari ‘Love Out’. E’ redattore del sito politico-letterario Carmilla.

Piefrancesco Pacoda è giornalista e saggista e si occupa di musica e della sua relazione sulla società, con una attenzione particolare per i lifestyles giovanili.
Di questo scrive sul Resto del Carlino, L’Espresso e La Stampa.
Ha pubblicato numerosi libri, come ‘hip hop italiano’, ‘Sulle rotte del rave’, ‘Guida a Ibiza’, ‘Riviera Club Culture’, ‘Salento Amore mio’

Sabato 15 novembre alle 14,30 in libreria
il gruppo “Letture sul sofà” si troverà per discutere sul romanzo di Sebastiano Vassalli “La chimera” recentemente riedito da Rizzoli.
Il gruppo è aperto e ogni intervento è il benvenuto.

Ancora sabato alle 18 in libreria
in occasione del Cioccoshow 2014 e in collaborazione con CNA
presentazione aperitivo del libro dell’Associazione Pasticceri di Bologna “Ciocolatemi! Coccole al cioccolato” (Collana I Quaderni del Loggione – Damster Edizioni)
Coordina l’incontro Katia Brentani.

Il cioccolato, uno degli alimenti più amati, raccontato e interpretato da 18 pasticcieri dell’Associazione Pasticcieri di Bologna (Marco Balboni, Andrea Bandiera, Roberto Di Benedetto, Francesco Elmi, Gino Fabbri, Davide Franchin, Roberto Garani, Luigi Laganà, Giorgio Lanzoni, Marco Pallotti, Luca Ponti, Salvatore Romano, Roberto Sarti, Gabriele Spinelli, Andrea Tedeschi, Fabrizio Toselli, Valentina Vogli, Boris Zucchini).
Settanta ricette per realizzare mousse, biscotti da tè, praline dolci e salate, dolci al cucchiaio, torte al forno, gelati, semifreddi, pasticceria mignon, dolci internazionali e della tradizione.
Non solo ricette, ma consigli, tecniche, trucchi del mestiere e curiosità per esaltare e arricchire il cioccolato.
Un viaggio seducente e indimenticabile raccontato da alcuni dei protagonisti e da Katia Brentani, curatrice del libro e responsabile della Collana “I Quaderni del Loggione”.
Ridea, creatori di suggestive lampade, creerà l’atmosfera giusta.
Minibuffet al termine della presentazione.

Sabato 15 novembre alle 19
a Corte Tre, in via Franco Bolognese 22/3 A a Bologna
Bolognina Basement presenta Artusi Remix: viaggio nella cucina popolare italiana.

Il gastro-filosofo Don Pasta Selecter parlerà del suo ultimo libro, “Artusi Remix: viaggio nella cucina popolare italiana” (Mondadori, 2014).
Ne parlerà con Pierfrancesco Pacoda (il Resto del Carlino) e Andrea Mi (Mixology).
Dopo la presentazione, Don Pasta si esibirà con il suo consueto Cooking Dj Set che abbina musica e teatro a ricette della cucina italiana realizzate in diretta. Come ha sostenuto il New York Times, Don Pasta “è un attivista che combatte per esplorare e mantenere viva la cucina tradizionale italiana”. Perché, come sostiene egli stesso, “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, il soffritto, e il pomodoro”.
Ad arricchire la serata, organizzata dal sito-rivista Bolognina Basement, ci sarà anche il Dj set di Andrea Mi, fondatore del progetto Mixology e resident dello storico Tenax Club di Firenze.
La nostra libreria collabora con il bookshop.

Per info e contatti: info@bologninabasement.it tel. 3295434389 bologninabasement.it