NEWSLETTER fino al 7 ottobre (il 4 aperti dalle 10,30 alle 19)

Si entra nel mese di ottobre con un incontro di poesia e uno di narrativa, e sulle pareti “street heart” della nostra resident artist cettina calabrò.
Saremo aperte anche martedì 4 ottobre, San Petronio, dalle 10,30 alle 19, perché ancora una volta partecipiamo alla Colletta del libro che quest’anno si tiene dal 4 al 31 ottobre.
Inoltre fiancheggiamo Alma Riot volume 2, una bella serie di incontri il 5 e il 6 ottobre in zona universitaria.

Un breve sunto poi le varie storie.
Vi aspettiamo.
E in giro, e a Trame, come sempre

Colletta del libro
dal 4 al 31 ottobre
IN TUTTE LE LIBRERIE E CARTOLIBRERIE ASSOCIATE A CONFCOMMERCIO ASCOM BOLOGNA si potranno acquistare libri (in brossura) (e cancelleria ove disponibile) da donare alla scuola del carcere e agli studenti del Centro per l’Istruzione degli Adulti “CPIA Metropolitano”
Per informazioni: federazioni@ascom.bo.it

Mercoledì 5 ottobre alle 18 in libreria
Pablo López-Carballo presenta “La precisione dell’indifferenza” (Carteggi Letterari, 2016) in dialogo con Sergio Rotino e Lorenzo Mari.

Alma Riot fest volume 2
dal 5 al 6 ottobre!
Torna anche quest’anno il festival autunnale della zona universitaria ribelle! Due giorni di musica, arte, letteratura e cinema per raccontare il nostro mondo.
La nostra libreria collabora con il bookshop.

Venerdì 7 ottobre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del libro di Silvia Barella “Tu non lo saprai mai” (Giraldi edizioni).
L’autrice ne parlerà con il professor Carlo Monaco.

Mercoledì 5 ottobre alle 18 in libreria
Pablo López-Carballo presenta “La precisione dell’indifferenza” (Carteggi Letterari, 2016) in dialogo con Sergio Rotino e Lorenzo Mari.

Con “La precisione dell’indifferenza” (traduzione di Lorenzo Mari, nota al testo di Sergio Rotino) si presenta al pubblico italiano una selezione antologica dell’opera di Pablo López-Carballo, una delle voci più interessanti della nuova poesia spagnola peninsulare.
La scrittura di López-Carballo, classe 1983, segna un netto distacco rispetto alle generazioni precedenti (culminate nel nome forse più famoso, e più tradotto in Italia, di Luis García Montero), a favore di un allegorismo che può apparire in prima battuta desertico e freddo, ma che reca in sé le tracce di un pensiero filosofico e politico estremamente ramificato e umanamente appassionato.
Già traduttore di Edoardo Sanguineti e di altri autori italiani, Pablo López-Carballo si rivela autore in piena sintonia e in aperto dialogo con il panorama poetico italiano contemporaneo.

Pablo López-Carballo è dottore di ricerca in Letteratura spagnola e ispanoamericana presso l’Università di Salamanca. Ha pubblicato i libri di poesia Sobre unas ruinas encontradas (La Garúa, 2010) e Quien manda uno (Transatlántica, 2012) e le prose raccolte in Crea mundos y te sacarán los ojos (El Gaviero, 2012). Insieme a Rosa Benéitez Andrés, ha tradotto in spagnolo Come si diventa materialisti storici di Edoardo Sanguineti; inoltre, ha recentemente curato l’edizione di El cristal que se desdobla (Amargord, 2016) dello scrittore cubano Lorenzo García Vega. È già stato tradotto in Italia da Valerio Nardoni (Le Parole e Le Cose, 2012) e da Lorenzo Mari (L’Ulisse 2013, Nuovi Argomenti 2014).

Alma Riot fest volume 2
dal 5 al 6 ottobre!
In zona universitaria.
Torna anche quest’anno il festival autunnale della zona universitaria ribelle! Due giorni di musica, arte, letteratura e cinema per raccontare il nostro mondo.
La nostra libreria collabora con il bookshop.

PROGRAMMA (in aggiornamento)
Mercoledì 5 Ottobre – Piazza Verdi
Ore 17:30 – Presentazione di “La traccia seguente. Dialoghi di resistenza sonora” con l’autore Luca Pakarov.
“A ogni disco un’evocazione: felicità, noia, sesso, risse, lavoro e funerali. Chi non ha vissuto questo attaccamento si è perso metà della vita.”
Ore 18:30 – Presentazione di “Guida liquida al poetry slam” con l’autore Dome Bulfaro
“Nel 2001 in Italia i poetry slam si contavano sulle dita di una mano, oggi invece se ne organizzano a centinaia”
Ore 19:30 – Musical reading con Nicolo Gugliuzza e Tab Palmieri
Ore 20:00 – Performance di Dome Bulfaro dal suo spettacolo “Marcia film”
Ore 20:30 – Reading di Max Collini (già voce e autore dei testi degli Offlaga Disco Pax e ora impegnato in “Spartiti”, il suo nuovo percorso artistico intrapreso assieme a Jukka Reverberi dei Giardini di Mirò)
Dalle 21:00 – concerti live con Acusticazzi e Funkalize-it

Giovedì 6 ottobre – Via Zamboni
Ore 17:30 – Presentazione del libro “L’onda d’urto. Autobiografia di una radio in movimento” con gli autori, i compagni e le compagne di Radio Onda d’Urto (Brescia).
Ore 22:00 RECLAIM the streets con WHP

Entrambi i giorni: stand, banchetti informativi, librerie, infoshop, punti ristoro con Cucina Randagia e live painting

In caso di pioggia tutto in via Zamboni 38.

Da qualche giorno assistiamo in città alla nota e sempre più grottesca polemica contro le iniziative politiche che gli studenti mettono in campo in zona universitaria. Questo festival, come tutte le altre occasioni simili, continuerà ad affermare la propria giustezza e legittimità a maggior ragione e nonostante il clamore mediatico di condanna. Da una parte restano le logiche mercificatrici, gli stili di vita nichilisti e il controllo repressivo, dall’altro noi, studenti e studentesse stufi e stufe di essere pretesto a questo o quell’altro interesse speculativo.
Se c’è caos continua ad essere nelle teste di chi è pronto a invocare manganelli e repressione per impedire la libera espressione e aggregazione. Da parte nostra le idee sono molto chiare: lottare contro la desertificazione di questa zona, e allo stesso tempo far in modo che non diventi un museo-vetrina a pagamento, ma parli i nostri linguaggi, densi di rifiuto, insoddisfazione, forza e ribellione.

Venerdì 7 ottobre alle 18 in libreria
presentazione aperitivo del libro di Silvia Barella “Tu non lo saprai mai” (Giraldi edizioni).
L’autrice ne parlerà con il professor Carlo Monaco.

Luce è una bambina sveglia e incredibilmente sensibile al suo dolore e a quello delle persone che le stanno accanto. Un’infanzia difficile costellata da divisioni famigliari, problemi con la madre alcolista, un padre sempre distante, assente, preso dalla nuova famiglia che si è costruito e un rapporto speciale con i nonni che la prendono in cura.
Il legame doloroso con la madre si interrompe a causa di una tragedia, e da lì Luce è costretta a prendere in mano la sua vita per farle imboccare una nuova strada, per trovare il senso della sua esistenza, dei suoi ricordi infelici e per trovare una via per la tanto agognata serenità. La strada è lunga e colma di fatiche, di depressioni, di abbandoni, di delusioni, di amori sbagliati ma Luce non perde mai la speranza e sono la sua tenacia e la sua vitalità riscoperta che la porteranno a una nuova vita.
In tutto questo difficile percorso le è vicino un angelo, costantemente al suo fianco come una presenza che la guida con affetto e amorevolezza.

Silvia Barella è nata a Bologna nel 1973. È segretaria presso un ambulatorio medico dal 2011, qualifica alla quale è arrivata dopo una lunga esperienza lavorativa in ambiti diversi, maturata prima alla scuola Ariosto di Bologna, poi nelle varie esperienze lavorative in Bologna e Rimini.
Ha gestito piccoli e grandi gruppi in ambienti culturali, sanitari e in aziende.
Ha frequentato la scuola di recitazione Bibiena in Bologna.
Dal 2012 dipinge da autodidatta e si diletta nella danza-recitazione.
Dal 1985 scrive da autodidatta racconti, poesie, storie reali e dettate dalla fantasia.

NEWSLETTER dal 27 settembre al 1° ottobre (qui e là…)

Ancora una settimana battagliera, dove la narrativa si declina sul noir, e la saggistica parla di prostituzione, postcapitalismo e terrorismo anni ’70.
Per chiudersi con le foto di cettina calabrò, la nostra prima mostra e diventata buona abitudine.
Prima il sunto, poi i contenuti.

Vi aspettiamo.
A Trame.
O nei dintorni.

Martedì 27 settembre dalle 21,30 alle 23 in libreria
apertura straordinaria
per il reading dal libro di Maria Silvia Avanzato “Anemone al buio (Fazi editore).
L’incontro sarà a porte chiuse.
La prenotazione è gradita.

Mercoledì 28 settembre alle 18 in libreria
presentazione del libro di Giovanna De Simone “Avanti il Prossimo. Storie di ordinaria prostituzione” (Bianca e volta edizioni)
L’autrice ne parlerà con l’editrice Antonietta Benedetti e con il coordinatore del progetto “Oltre la strada” per la Regione Reggio Emilia Maurizio Braglia.
Leggerà Irene Costantino.

Giovedì 29 settembre alle 18
all’Auditorium Enzo Biagi della Biblioteca Sala Borsa a Bologna
Fulvio Ervas parlerà del suo ultimo libro “Pericolo giallo”.
L’incontro è realizzato in collaborazione con l’editore Marcos Y Marcos.
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.
L’autore ne parlerà con Piero Di Domenico.
La nostra libreria collabora con il bookshop.

Venerdì 30 settembre alle 17,30
presso la Camera del Lavoro in via Marconi 67/2 a Bologna
presentazione del libro di Paul Mason “Postcapitalismo. Una guida al nostro futuro” (Il Saggiatore).
Insieme all’autore saranno presenti Riccardo Bellofiore, Sergio Bellucci, Francesco Garibaldo e Michele Zacchi.
Con la fondazione Claudio Sabattini, la rivista Leggilanotizia e Netleft.
La nostra libreria collabora con il bookshop.

Sempre venerdì 30 settembre alle 18,30, ma in libreria questa volta
presentazione del libro di Vindice Lecis “L’infiltrato” (Nutrimenti).
Insieme all’autore saranno presenti Mauro Alboresi e Antonella Beccaria.

Sabato 1 ottobre alle 18 in libreria
inaugurazione della mostra STREET HEART di cettina calabrò, fotografa e resident artist a Trame.

Martedì 27 settembre dalle 21,30 alle 23 in libreria
apertura straordinaria
per il reading dal libro di Maria Silvia Avanzato “Anemone al buio (Fazi editore).
L’incontro sarà a porte chiuse.
La prenotazione è gradita.
Entro le 20 del giorno stesso.
051 233333
info@libreriatrame.com

La libreria diventa una pagina di romanzo, le persone diventano scenografia vivente di un momento narrativo.
Di “Anemone al buio” si è parlato spesso in questo periodo: Gloria, la protagonista nata dalla penna di Maria Silvia Avanzato, perde la vista e la memoria dopo un incidente d’auto e si trova a ricostruire una vita fra coloro che in apparenza vogliono prendersi cura di lei. Una condizione che diventa ottimo pretesto per lo sviluppo di un noir e lascia un senso di profonda inquietudine.
Per questo vi invitiamo a diventare Gloria per alcuni minuti, con un inedito esperimento di reading al buio.

Guidati dalla voce di Stefania Borghi, nell’oscurità, ciascuno potrà calarsi fra le pagine da protagonista e soffermarsi sulle proprie percezioni.

Agatha Christie l’avrebbe annunciato dicendo “Un delitto avrà luogo”, per noi è un esperimento letterario e sensoriale.

Maria Silvia Avanzato è nata a Bologna nel 1985. Ha vinto numerosi concorsi letterari e ha pubblicato otto romanzi oscillando fra commedia e noir, fra i quali “Adamante” (Edizioni della Sera) e “Crune d’aghi per cammelli” (Fazi editore). Nel 2015 è uscito “In morte di una cicala” (Fazi editore) che l’ha vista riconfermarsi ancora una volta una delle più promettenti penne noir del panorama italiano. Con il 2016 è arrivato “Anemone al buio”, il suo nuovo e atteso romanzo noir per Fazi editore, ciò che l’autrice stessa definisce “il più claustrofobico dei suoi esperimenti”.
Conduce quotidianamente la trasmissione “Aperitivo con Silvia” su Radio Bologna Uno, sommario degli appuntamenti culturali cittadini. Scrive soggetti teatrali e cura piccole mostre sperimentali, unendo parola e immagine. Redattrice per la rivista di critica cinematografica Orizzonti di Gloria, si occupa di cinematografia vintage ed è ogni anno inviata stampa al Biografilm Festival di Bologna.
Vive fra montagna e città, si sposta portandosi appresso un gruppo di editor inflessibili: la nonna e tre gatti.

Stefania Borghi (Bologna, 1985) è laureata in Scienze Storiche, da sempre appassionata di antichità, ama viaggiare e andare in cerca di vecchi e nuovi ruderi da scoprire.
Abile disegnatrice e vorace lettrice, Stefania è cresciuta a cinema e cinepresa: per lei recitare è presto diventato più di un hobby. Ha lavorato alla coordinazione di eventi e di staff professionali, attualmente è membro di una compagnia di improvvisazione teatrale specializzata in “cene con delitto”.
Lavora presso una fondazione bolognese d’arte e tecnologia come guida alle mostre fotografiche

Mercoledì 28 settembre alle 18 in libreria
presentazione del libro di Giovanna De Simone “Avanti il Prossimo. Storie di ordinaria prostituzione” (Bianca e volta edizioni)
L’autrice ne parlerà con l’editrice Antonietta Benedetti e con il coordinatore del progetto “Oltre la strada” per la Regione Reggio Emilia Maurizio Braglia.
Leggerà Irene Costantino.

Tina e Blessing sono due donne che vivono in due pianeti opposti.
Tina, narratrice in prima persona, è operatrice sociale in un centro antiviolenza e antitratta; Blessing, clandestina, prostituta, è vittima di violenza. Le loro storie rappresentano il filo conduttore dell’intera narrazione e ci accompagnano nel doloroso, infame e squallido mondo dello sfruttamento, della violenza e parallelamente nella frustrazione, impotenza e rabbia degli operatori sociali. Il racconto di Tina ci addentra nel mondo della disperazione, della cattiveria e dello sfruttamento; sono le nuove schiave e la lotta è impari.
Nulla è come sembra: le pagine ci mostrano la verità scevra da stereotipi e pregiudizi di ogni sorta.

Giovanna De Simone, nata nel 1971 a Parma, ha origini campane. Da dieci anni lavora come operatrice di un centro antiviolenza di Ferrara. Il centro offre assistenza legale, sanitaria e psicologica alle donne vittime di violenza domestica e alle donne che vogliono uscire dalla tratta e dalla prostituzione; per 10 anni, ha lavorato in un progetto comunale di inserimento lavorativo di persone a rischio di svantaggio sociale, segnalate dai servizi sociali del territorio.
Dal 2015 pubblica sul sito www.tinasimone.it e racconta la lotta contro le brutalità della tratta delle ragazze destinate alla prostituzione e il difficile lavoro dell’operatore sociale che non è immune dalla brutalità.

Giovedì 29 settembre alle 18
all’ Auditorium Enzo Biagi della Biblioteca Sala Borsa a Bologna
Fulvio Ervas parlerà del suo ultimo libro “Pericolo giallo”.
L’incontro è realizzato in collaborazione con l’editore Marcos Y Marcos.
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.
L’autore ne parlerà con Piero Di Domenico.
La nostra libreria collabora con il bookshop.

“All’Audi veniva attribuito un potere magico. Sovrannaturale.
Stucky si grattò la testa. Cosa stava succedendo?”

Non solo massaggi, offrono i centri massaggio cinesi di Treviso: lo sanno i passanti, lo sanno i clienti, lo sa la polizia. Per chiuderli, però, qualcuno deve raccogliere le prove, e quel qualcuno è l’ispettore Stucky. È un compito non del tutto ingrato, lento e paziente. Lontano dalla furia della strada, dove un’Audi gialla semina il panico a trecento all’ora.
Rubata all’aeroporto di Malpensa, impazza sulle strade del Nordest, misteriosa e imprendibile. Scompare e riappare, beffa volanti e gazzelle, scoperchia fantasmi di una terra operosa e arrabbiata.
È una terra ormai indifesa, che un bolide giallo può attraversare a suo piacimento? È diventata una terra di conquista?
Da un caso di cronaca, un nuovo mistero per l’ispettore Stucky ma anche un romanzo sulla nostra vulnerabilità, la nostra determinazione, il nostro estro, la nostra capacità un po’ rocambolesca, ma inesauribile, di inventare soluzioni.

Venerdì 30 settembre alle 17,30
presso la Camera del Lavoro in via Marconi 67/2 a Bologna
presentazione del libro di Paul Mason “Postcapitalismo. Una guida al nostro futuro” (Il Saggiatore).
Insieme all’autore saranno presenti Riccardo Bellofiore, Sergio Bellucci, Francesco Garibaldo e Michele Zacchi.
L’evento è organizzato con la collaborazione della fondazione Claudio Sabattini, la rivista Leggilanotizia e Netleft.
La nostra libreria collabora con il bookshop.

L’agonia del capitalismo è irreversibile. Il prezzo della sua sopravvivenza è un futuro di caos, oligarchia e nuovi conflitti. La crisi economica scoppiata nel 2008 si è trasformata in una crisi sociale e infine in un autentico sconvolgimento dell’ordine mondiale: oggi, questo capitalismo malato e segnato dal predominio della finanza scarica i costi della recessione sui più deboli; si dimostra incapace di far fronte alle minacce del riscaldamento globale, dell’invecchiamento della popolazione e dell’incontrollato boom demografico nel Sud del mondo; e mette a rischio la democrazia e la pace. Ma superare il capitalismo è possibile. E mentre fra la popolazione serpeggia un senso di paura e rassegnazione, dalle tecnologie informatiche emerge la possibilità di una svolta radicale. La nuova economia di rete, fondata sulla conoscenza, mina infatti i presupposti stessi del capitalismo – riducendo la necessità del lavoro e abbassando sempre più i costi di produzione -, e i beni d’informazione erodono la capacità del mercato di formare correttamente i prezzi, perché se il mercato si basa sulla scarsità, l’informazione è invece abbondante. Nel frattempo, si sta affermando un nuovo modo di produzione collaborativo, che non risponde ai dettami del profitto e della gerarchia manageriale, ma ai principi della condivisione, della responsabilità reciproca e della gratuità.

Paul Mason è un giornalista inglese, ha lavorato con varie emittenti, dalla BBC a Channel 4. Si definisce un democratico radicale.

Sempre venerdì 30 settembre alle 18,30, ma in libreria questa volta
presentazione del libro di Vindice Lecis “L’infiltrato” (Nutrimenti).
Insieme all’autore saranno presenti Mauro Alboresi e Antonella Beccaria.

Durante gli anni di piombo il Partito comunista fu in prima linea nella battaglia contro il terrorismo rosso, che minava i principi democratici del paese e la forza stessa del partito, al suo massimo storico di consenso. Oltre al lavoro alla luce del sole, il Pci operò per individuare e denunciare i soldati della lotta armata e i loro fiancheggiatori, svolgendo anche un’azione d’intelligence parallela, in collaborazione con gli organi dello Stato.
In quel periodo Ugo Pecchioli, braccio destro di Berlinguer, concordò con il generale Dalla Chiesa un’importante operazione segreta: l’infiltrazione in un gruppo di fuoco di un militante del partito, che avrebbe dovuto riferire al comandante dell’antiterrorismo. Un episodio accertato e documentato, sebbene ancora coperto per molti aspetti dal necessario riserbo, che non ha avuto un’adeguata considerazione storica.
Alternando fatti reali e finzione narrativa, questo libro ricostruisce l’attività dei comunisti italiani contro il terrorismo nella stagione violenta tra il 1978 e il 1979: le azioni di spionaggio, i documenti interni, le riunioni riservate, il lavoro di controllo e denuncia nelle fabbriche. Ma ripercorre anche l’onda d’urto e le parole infiammate della galassia terroristica, mentre in Italia cadevano decine di uomini. Su tutti, Aldo Moro e Guido Rossa.

Vindice Lecis è nato a Sassari nel 1957. Giornalista, da trentacinque anni lavora per il gruppo Espresso. È autore di numerosi romanzi storici e saggi sulla politica italiana del Novecento e sulla storia antica della Sardegna, tra cui La resa dei conti (2003), Togliatti deve morire (2005), Da una parte della barricata (2007), Le pietre di Nur (2011), Golpe (2011), Buiakesos: le guardie del Giudice (2012), Il condaghe segreto (2013), Judikes (2014), Rapidum (2015).

Mauro Alboresi è il segretario nazionale del Nuovo partito comunista italiano. Ex consigliere d’amministrazione di Casalecchio delle Culture, è stato operaio metalmeccanico, educatore professionale e sindacalista diventando nel 2003 segretario della Camera del lavoro metropolitana di Bologna. Relatore in iniziative sindacali, seminari, convegni e corsi di formazione, ha curato tra l’altro la pubblicazione “La diversità dietro la maschera. Indagine psico-sociale sulla percezione individuale della diversità”.

Antonella Beccaria è giornalista e scrittrice, collabora con testate nazionali e trasmissioni televisive. Insegna nell’area non fiction della Bottega Finzioni, la scuola di scrittura di Carlo Lucarelli, e ha firmato libri su strategia della tensione, terrorismo e criminalità politica.

Sabato 1 ottobre alle 18 in libreria
inaugurazione della mostra STREET HEART di cettina calabrò, fotografa e resident artist a Trame.

Sottotitolo: attenti al cuore. Non calpestabili, questi, ma fragili lo stesso.
Ogni giorno ne vediamo a migliaia, fermarsi a guardarli è un attimo, per ascoltarli un attimo non basta.
Prendiamoci il tempo necessario, oltre i muri e le vetrate, e senza dimenticare il nostro.

La mostra sarà visibile negli orari di apertura della libreria.

Libreria TRAME società cooperativa
via Goito, 3/c 40126 Bologna