NEWSLETTER dal 18 al 22 settembre a Trame (con una fuga al Cabral e una alla velostazione Dynamo)

Eccoci con le nuove presentazioni per la settimana che arriva.
Cinque incontri su temi assortiti.
Leggete e passate a trovarci.
Vi aspettiamo.

Segnaliamo anche che Trame è finalmente operativa per l’utilizzo della carta Docenti e della 18app…

Martedì 18 settembre alle 17,30
presso la Biblioteca Amilcar Cabral in via San Mamolo 24 a Bologna
Eric Salerno presenta “Dante in Cina” (Il Saggiatore, 2018) e ne parla con Marcella Emiliani.
Bookshop in collaborazione con Trame.

Eric Salerno ricostruisce le vicende di Eugenio Volpicelli, un personaggio straordinario, vissuto a cavallo tra Otto e Novecento in un Oriente segnato dal colonialismo europeo, dalla guerra sino-giapponese e dalla rivolta dei Boxer. Un personaggio che, superando frontiere linguistiche e barriere culturali, congiunge i maestri di Oriente e Occidente, integra le due tradizioni letterarie e filosofiche e unisce i saperi di questi mondi lontani eppure sorprendentemente vicini.
Eric Salerno, giornalista, inviato speciale, esperto di questioni africane e mediorientali, vive fra Roma, Melbourne e Gerusalemme da dove, per quasi trent’anni, è stato corrispondente del Messaggero.
Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Guida al Sahara (SugarCo, 1974), Fantasmi sul Nilo (SugarCo, 1979), Israele, la guerra dalla finestra (Editori Riuniti, 2002), Genocidio in Libia (manifestolibri, 2005), Mosè a Timbuctù (manifestolibri, 2006). Per il Saggiatore sono usciti Uccideteli tutti (2008), Mossad base Italia (2010), Rossi a Manhattan (2013), Intrigo (2016).

Sempre martedì 18 settembre alle 18 in libreria
Michela Monti presenta 83500 (Triskell) e ne parla con Eva Brugnettini.

Carcere di massima sicurezza, anno 2020 circa.
Melice Redding è una condannata a morte e non ne ricorda il perché. La causa dell’amnesia è la separazione da sua figlia appena partorita, per questo Mel entra in stato di shock.
Grazie a Gabriel esce dalla catatonia, e sempre grazie a lui la donna avrà la possibilità di tornare indietro, prima che il crimine per cui è in prigione venga commesso.
Melice viaggia nel tempo per rivivere il suo passato senza nessun ricordo dell’arresto, senza condizionamenti.
Il 83500 è un romanzo distopico, composto da 254 pagine e 399.490 battute, spazi compresi.
Un prologo precede i trentatré capitoli divisi in tre parti: presente, passato e ritorno, annunciati da una brevissima introduzione in rima.
Una poesia apre il tutto, la sola nel lavoro.
83500 è tra i 3 finalisti del Festival Giallo Garda.

Michela Monti è nata nel 1980 in provincia di Ravenna dove vive tutt’ora. Amante di ogni forma d’arte, delle risate e della pizza, scrive, legge, disegna da sempre, divora musica, cucina e mangia come una buona romagnola impara sin da piccola a fare. 83500 è il suo primo romanzo pubblicato con Triskell.

Eva Brugnettini, 1982, tutor dell’area Letteratura a Bottega Finzioni, ha pubblicato racconti per giornali e antologie. Ha fatto editing per antologie (Pendragon, Playboy). Autrice di puntate per le Muse Inquietanti (SkyArte). Fa consulenze narrative per manoscritti e raccolte di racconti.

Giovedì 20 settembre alle 17,30 in libreria
in occasione del Campionato mondiale di pallavolo maschile 2018
presentazione del libro di Daniele Serapiglia “Uno sport per tutti. Storia sociale della pallavolo italiana (1918-1990)” (Clueb 2018).
L’autore ne parlerà con Matteo Pasetti.
Saranno presenti Patrizia Dogliani, Sergio Giuntini e Nicola Sbetti

Per la semplicità con cui può essere praticato, fin dalla sua creazione il volleyball è considerato “uno sport per tutti”, capace di svilupparsi sia in ambito amatoriale che agonistico. Il presente volume racconta come la pallavolo sia entrata in connessione con gli italiani, diventando nel tempo la seconda disciplina di squadra più praticata dopo il calcio, ma soprattutto quella più diffusa tra le donne. Sullo sfondo il nostro “secolo breve”: cominciato con la Prima guerra mondiale, passato attraverso il fascismo, la prima Repubblica e finito con “tangentopoli”, nel momento in cui il volley azzurro completava il suo processo di evoluzione, affermandosi a livello mondiale; quasi ottanta anni durante i quali l’Italia è cresciuta economicamente, mutando i propri costumi e la maniera di vivere la pratica sportiva. In questo senso la pallavolo ci dà il modo di comprendere come lo sport si sia armonizzato negli anni con il tessuto sociale italiano, spesso rappresentandone l’immagine e l’immaginario.​

Venerdì 21 settembre dalle 19 alle 22
presso la velostazione Dynamo in via Indipendenza 71
L’ARTE DI FARE FUMETTI
Workshop di fumetto a cura dei fumettisti Antonella Selva e Giampaolo Parrilla, e di Sergio Rotino di Radio Città del Capo.
Bookshop in collaborazione con Trame.

Antonella Selva vi guiderà nel percorso creativo che conduce dalla semplice idea allo storyboard.
Giampaolo Parrilla vi condurrà nel processo creativo della creazione delle immagini: non solo espressione in immagini narrativo-sequenziali, ma espressione di emozioni, idee, concetti.
Un workshop per tutti gli aspiranti fumettisti e per chi vuole conoscere il mondo della narrazione grafica usando la propria creatività.
I fumettisti dialogheranno con Sergio Rotino di Radio Città del Capo. Un dialogo interattivo con tutti gli appassionati di graphic novel per scoprire l’arte di “fare fumetti”.
Per INFO E PRENOTAZIONI: eventi@dynamo.bo.it

Antonella Selva è femminista, militante, e grande viaggiatrice (Nicaragua, la Palestina, l’Iraq, la scoperta del mondo arabo e dell’Islam).
Ha pubblicato la graphic novel “Femministe, una storia di oggi” (Nuova S1 2015).
Nel 2013 ha fatto parte, insieme a “Expris Comics”, del primo gruppo di autori che hanno inaugurato il progetto di contaminazione, tra fumetto e teatro, Diari da uno spettacolo.
Il suo ultimo lavoro è “Cronache dalle Periferie dell’Impero” (Nuova S1 2018), tre storie di gruppi di persone che resistono alle dinamiche a cui la globalizzazione li sottopone, opprimendoli. Storie sull’impegno e la determinazione di pochi sognatori, da cui iniziano i cambiamenti che fino a poco prima sembravano impensabili e che invece riescono a imprimere alla realtà nuove dinamiche e a strappare tre comunità dall’isolamento.

Gianpaolo Parrilla presenterà l’affascinante genesi del suo romanzo grafico sulla storia dell’uomo. In un futuro distopico molto simile al nostro presente, un gruppo di ragazzi, in fuga da un invisibile nemico, trova riparo in una vecchia biblioteca abbandonata. Il ritrovamento casuale di un vecchio volume impolverato dà inizio alla storia nella storia. Dopo il crollo della Torre di Babele, il mito prosegue. Di epoca in epoca, monarchia, religione, Stato, economia e tecnologia erigono torri sempre nuove ma che riflettono solo le aberrazioni derivanti dalla cieca sopraffazione dell’uomo. Una spirale di eventi porta all’inaridimento della società, mentre il progresso tecnologico alimenta il collasso umano e sociale.

Sabato 22 settembre alle 18 in libreria
Sergio Rotino presenta l’antologia “Declinazioni” (Qudulibri) e ne parla con Matteo Marchesini.
L’incontro conclude l’esperienza di scrittura del gruppo tenutosi alla Primo Levi nel 2017/2018.

“Le forme in cui si può declinare la narrazione all’interno di un racconto sono innumerevoli. Ogni storia propone un punto di vista che le consente di evolversi in modo unico, al di là della riuscita complessiva. C’è poi un universo di possibili declinazioni per ogni singolo tema, per ogni singola storia. Tutte sono plausibili e godibili, grazie anche alle capacità del singolo autore. Questa antologia raccoglie dieci autori, che declinano ognuno col proprio stile alcuni temi centrali della narrativa come della vita. Dieci racconti brevi che parlano di amore, maternità, viaggi, imprevisti, scoperte, attese esperienze.”

NEWSLETTER vivace da sabato 8 a sabato 15 settembre a Trame

Purtroppo niente Festivaletteratura a Mantova quest’anno per noi della libreria.
Ci consoliamo con una serie di begli incontri proposti da questo sabato al prossimo.

Vi aspettiamo a Trame.

Sabato 8 settembre alle 18 in libreria
presentazione del libro “Run Wild” (ARCHAIA Press).
Vincenzo Balzano propone gli studi e i disegni originali della graphic novel “Run Wild” appena pubblicata e ne parla con l’autore greco K.I.Zachopoulos, di passaggio in Italia.
Le tavole sono esposte nella mostra personale di Balzano che proseguirà durante il mese di settembre.

“Soprattutto una storia di avventura che esamina i legami che ci legano come creature viventi che si muovono attraverso il mondo, e i sacrifici che facciamo affinché gli altri possano prosperare veramente” Sierra H.

“Quando ho visto per la prima volta l’anteprima di Run Wild, mi è sembrata la classica fiaba che amo. Ha il cuore di tutte le fiabe e le storie di un tempo e come le fiabe di un tempo può essere un po’ buia. Molte di loro includono bambini alla ricerca di qualcosa di familiare (come la loro casa) o un membro della famiglia (come un genitore). Non è raro imbattersi in bambini piccoli, fratelli o anche animali parlanti, tutto quello che troviamo in questa graphic novel disegnata da Vincenzo Balzano”, Carrie McClain

Vincenzo Balzano è nato a Torre del Greco nel 1985. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Napoli specializzandosi in grafica editoriale. Le sue opere sono state selezionate per il National Arts Award 2010, nel 2013 la sua graphic novel “Immortal” ha vinto il concorso “ilmioesordio” ricevendo il premio per il miglior esordio. Nel 2014 ha realizzato l’arte per la graphic novel “Revenge the secret origin Emily Thorne” (Marvel) e nel 2016 insieme a KI Zachopoulos ha creato “The Cloud” (Boom!studios-Archaia) nominato al premio Dwayne McDuffie Award, nel 2016 ha pubblicato Noumeno 4 (shockdom).
La graphic novel “Run Wild” (Boom!Studios Archaia) è il suo lavoro più recente.

K.I.Zachopoulos è uno scrittore di fumetti nato a Salonicco in Grecia, ha lavorato per Markosia (Misery City, The Fang), Image Comics (Mr. Universe, Popgun Anthology Vol. 3 &4) and BOOM! Studios (The Cloud, Run Wild).

Mercoledì 12 settembre alle 18 in libreria
Anna Melis presenta “Lunissanti” (Frassinelli) e ne parla con Gabriele Benassi.

Si può scrivere un romanzo sull’amore, sui suoi molteplici e irrazionali volti, senza trasformarlo in un banale romanzo d’amore? Si può ambientare una storia in una Sardegna del primo Novecento senza cadere in abusati cliché e ambientazioni già note? Anna Melis (…) lo fa con maestria e pazienza, nodo dopo nodo, senza cercare mai di affrettare la posa delle sue parole. Lo fa con il suo incedere preciso, luminoso e avvolgente. Lo fa scavando nell’animo dei suoi personaggi, soprattutto quelli femminili, ascoltandone desideri e paure, intercettandone e disegnandone fantasie e ansie, con una sensibilità che va oltre la parola scritta. Il risultato è una trama fitta e convincente di emozioni e vicende, che nei personaggi di Ada e Lauretta (di cui il lettore non potrà mai più dimenticarsi) trova le sue creature più tormentate e belle. Cristian Mannu

Un romanzo in cui i personaggi sembrano talmente vivi da uscire dalla storia per incontrarti nel quotidiano, costringendoti a pensare a loro e alle loro contraddizioni e al loro vissuto in ogni momento della giornata.
Te li vedi attorno, nelle persone che frequenti, più o meno conosciute: quella assomiglia ad Ada, quello è come il dottore…
Nonostante la distanza geografica dell’isola dal continente, nonostante la differenza cronologica segnata anche dalle credenze e dalle superstizioni di allora.
Anche nel libro, come nella realtà, alla fine sopravvivono le relazioni autentiche e si smontano le sovrastrutture sociali ed ideologiche, ma solo grazie al coraggio e alla follia di qualcuno. Per questo è un romanzo che parla di ieri ma anche, maledettamente, di oggi.

Anna Melis, laureata in Medicina e Chirurgia e specialista in Genetica Medica dal 2006, è docente di cultura medico-sanitaria e scienza dell’alimentazione dal 2007 presso le scuole professionali della provincia di Bologna.
La sua prima pubblicazione di narrativa è del 2009, nell’antologia “Senza Zucchero”, di Avagliano Editore. Vincitrice di diversi concorsi letterari, nel 2011 è finalista al Premio letterario nazionale Italo Calvino, col romanzo “Da qui a cent’anni”, pubblicato da Frassinelli nel 2012. Sempre con Frassinelli, ha pubblicato nel 2014 “L’ultimo fiore dell’anima”. “Lunissanti” sempre Frassinelli è del 2018.

Gabriele Benassi, attualmente docente di Lettere e animatore digitale presso l’IC21 di Bologna, con esperienze precedenti sia nella secondaria di 2 grado che nell’educazione agli adulti; ha collaborato e collabora con l’Ufficio Scolastico Regionale nel gruppo del
Marconi T.S.I. Formatore nel campo della linguistica italiana, della didattica dell’italiano e delle nuove tecnologie applicate alla didattica, collabora con l’Università di Bologna per il Progetto Europeo “E-Lengua” con il prof. Matteo Viale. Ha preso parte a
numerosi progetti di recupero e reinserimento nel percorso di formazione degli adulti e dei minori dell’area penale. Sta ora collaborando per lo sviluppo delle
competenze di cittadinanza digitale in percorsi formativi nelle scuole e sul territorio.

Venerdì 14 settembre alle 18 in libreria
presentazione di “La musa dimenticata” (Hazard), con Emilia Cinzia Perri e Deda Daniels.
A seguire firmacopie e dediche disegnate.

“La Musa dimenticata – La storia di Hoffmann” è una graphic novel ispirata ai personaggi di Osamu Tezuka, il padre del manga giapponese. L’opera, in due volumi, è ambientata nella Germania del secondo Reich. Nel periodo della Belle Époque, fra Lubecca e Amburgo, città della Lega Anseatica, ha inizio la storia di un artista e della sua musa.
1867, Germania del Nord. Lungo una spiaggia, non lontano da Lubecca, un vecchio pescatore a nome Andres Hoffmann incontra il piccolo Markus, in fuga dallʼorfanotrofio. Andres riconosce nel bambino una grande rabbia, uno spirito ribelle e un enorme talento per il disegno, cosa che subito lo accomuna a lui: decide perciò di prendersene cura. Riuscirà il giovane Markus, insofferente alle regole, a trovare la sua strada nella Germania di Otto von Bismarck?

Non è un segreto che Osamu Tezuka nelle sue storie utilizzasse come “attori” i personaggi di un suo personale cast, ritagliando di volta in volta per essi delle parti su misura. Per esempio c’è l’uomo anziano con il naso grosso, la bambina graziosa dal grande fiocco, il protagonista con i capelli a punta, l’antagonista bello e carismatico.
Ne “La Musa dimenticata” le autrici mettono in scena un vecchio mentore dal grande naso per il protagonista Markus Hoffmann, quest’ultimo un piccolo ribelle dai capelli a punta, chiamato a imparare l’arte del crescere in un mondo difficile. L’antagonista è il ricco e affascinante Theodor Ragner. La piccola Klara dal grande fiocco è la migliore amica di Markus. E così via: ai lettori il compito di ritrovare, tra i tipi rappresentati nell’opera, i loro “progenitori” tezukiani.

Emilia Cinzia Perri è nata a Cosenza, vive tra Roma e Bologna. Da sempre appassionata di fumetti, cinema e letteratura, nel 2005 sceneggia l’albo “Korea 2145”, su disegni di Enzo Troiano, vincendo il premio Carlo Boscarato, categoria miglior esordio. Collabora con lit-blog (Diario di pensieri persi) e siti di informazione su fumetti e cinema (Osamushi, Shoujo Manga Outline). Diversi suoi racconti sono raccolti in antologie (Delos Books, Alcheringa, Plesio). Insegna nei licei ed è sceneggiatrice per Kleiner Flug, editore per cui nel 2016 firma l’albo “Salomé”, disegnato da Silvia Vanni. “Salomé” ottiene il Crepax Award 2017 e la candidatura al Gran Guinigi nello stesso anno. Nell’aprile 2017 esce per Watson Edizioni “Un fantasma molto affamato”, il suo primo romanzo e a ottobre dello stesso anno “La Musa dimenticata”, graphic novel che omaggia Tezuka Osamu, edito da Hazard Edizioni. A maggio 2018 un secondo romanzo per ragazzi, “Freccia senzapaura”, è pubblicato dalla casa editrice La Ruota.

Deda Daniels è nata nel 1973 in quel di Trinacria, risiede a Singapore dal 2010.
Laureata in Animazione presso l’Academy of Art di San Francisco, lavora nel campo dell’animazione fino al 2006 su progetti targati Disney, Mattel, Hasbro, Pixar e Nickelodeon come Story Artist, Storyboard artist e product designer. Dopo aver collaborato per anni con siti di informazione sui fumetti come lo Shoujo Manga Outline e Osamushi, pubblica nel 2008 con Jar Edizioni il volume di curiosità giapponesi e collezionismo “Gashapon Hunter”. In Italia lavora a due storie brevi di “Isa e Bea – Streghe tra noi” e su testi di Simona Calavetta lavora sul magazine “La Principessa del Cuore”. Dal 2010 in poi si dedica a webcomics come “Il Pirata Baldassarre”, “Il Fiore e il Naso” e “Il Marchio di Caino”.

Sabato 15 settembre alle 14,30 in libreria
riparte “Letture sul sofà” con il saggio “Un atomo di verità. Aldo Moro” di Marco Damilano (Feltrinelli).

Il nostro gruppo di lettura è molto ospitale e l’incontro è aperto a tutti.